Fondazione Angelo D'Arrigo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Progetto WaWa Wasi

E-mail Stampa PDF

Paccarictambo:un villaggio sperduto sulle Ande,in Perù,a più di due ore da Cuzco. Una piccola comunità di contadini,che affrontano i notevoli disagi e le fatiche quotidiane con dignità,spirito di condivisione e senso  democratico. E' qui che Angelo D'Arrigo è stato accolto con entusiasmo considerato quale "visitatore illustre"dalla gente del posto.

Era il giugno2005,e già fin da allora,in Laura e in Angelo nasceva il desiderio di sostenere quel piccolo nucleo di discendenti dagli Incas. Oggi,a poco più di un anno dal primo incontro fra loro,e a circa cinque mesi dalla nascita
della "Fondazione Angelo D'Arrigo",il proposito concepito nell'intimità di sogni e di progetti individuali,prende forma e nome,e viene condiviso da tutti noi. La sua concretizzazione avviene proprio durante il recente viaggio di Laura e del team che,insieme a lei,ha portato a compimento la reintroduzione di Inca e Maja, la coppia di condor allevati e imprintati da Angelo. Dapprima l'onda inarginabile della commozione:i ricordi, i riti propiziatori dello sciamano, le danze, il battesimo di una bimba, chiamata Angelica proprio in onore del grande ospite scomparso; poi,un
particolarissimo champagne augurale a base di mais fermentato...E,infine, ancora il futuro!

Il WaWa Wasi

L'originaria intenzione era di creare un ambulatorio medico ed una scuola in una zona ignorata dalle vie di comunicazione e disertata dal turismo di massa. Le donne di Paccarictambo, invece, hanno esplicitamente chiesto che venga realizzata la costruzione di un asilo-nido per i loro bambini. Infatti,quando,al mattino presto, le madri partono per raggiungere,a bordo di camion,campi situati a parecchi chilometri di distanza,loro abituali sedi
di lavoro,i piccoli non possono far altro che seguirle,qualunque sia la condizione climatica,e senza la possibilità di essere effettivamente accuditi durante l'intera giornata.

Davanti ad una richiesta così motivata,lo stesso Sindaco di Paccarictambo ha messo a disposizione un'area comune,su cui ,a spese della "Fondazione Angelo D'Arrigo",sorgerà la struttura dell'asilo-nido,in lingua quechua wawa wasi:dolcissima parola ,adatta ad esprimere,nella sua prevalente vocalicità,la natura e la funzione dell'oggetto indicato. Sotto la direzione e la supervisione del prof.Miguel Ajala Calderòn, nostro amico e garante in loco,si provvederà, in tempi relativamente brevi, alla costruzione degli ambienti e alle dotazioni indispensabili. La mano d'opera impiegata sarà locale. A questa prima iniziativa,dunque,saranno destinati i fondi che ci stiamo
impegnando a raccogliere. Qualunque altro progetto di solidarietà possa essere intrapreso in seguito dalla Fondazione, riteniamo si debba continuare sull'esempio "Wawa wasi": non vogliamo creare alcuna forma di dipendenza assistenzialistica ,ma intendiamo rispondere a esigenze e situazioni, suscitando energie, valorizzando
risorse,ponendo a dimora semi da far crescere in autonomia.

 

Catania 6 Agosto 2006                                    Fondazione Angelo d’Arrigo

http://www.angelodarrigo.org/images/wawawasi/%20il%20wawawasi%20207.jpg

You are here: